Translate

Pizza Gate a Washington e la Post Verita'

Image result for pictures of pizza gate at comet ping pong

Domenica 4 dicembre, mentre in Italia si stava celebrando l'ordalia a grande maggioranza contro quel Matteo Renzi accusato di ogni misfatto, qui a Washington si vedeva una storia di follia collettiva che purtroppo si innesta in un filone ormai sostanziato e che spiega il perché di come vadano le cose in questo paese, ma non soltanto in questa nazione.
Sulla Connecticut Avenue , una strada di grande comunicazione piena di ristoranti e bar, un tale si è presentato al Comet Ping Pong Pizza Restaurant, imbracciando un'arma automatica AR-15 e con alla cintola una P38 e un coltello a serramanico.
Ha permesso ai numerosi clienti, famiglie con bambini, ai cuochi e camerieri di uscire dal locale dove si è trattenuto per la bellezza di 45 minuti mentre tutta la zona era bloccata e circondata da decine di auto della polizia municipale, FBI, pompieri.
Durante la sua permanenza nella pizzeria Edgar Maddison Welch, questo il nome del giovane invasato, oltre a scaricare la sua arma da guerra contro le suppellettili del locale, si è messo a cercare carte e documentazioni che confermassero la folle teoria che era alla base del suo viaggio da un sobborgo della North Carolina dentro la capitale degli Stati Uniti.
Ossessionato  da un'emittente radio che da tempo rimbalzava la notizia di un gruppo di persone facenti capo al direttore della campagna elettorale di Hillary Clinton che si sarebbe dedicato alla pedofilia ed alla schiavitù infantile, questo giovane di buone maniere (stando almeno alle descrizioni dei suoi più stretti conoscenti) aveva deciso di salvare il mondo da questa cospirazione.
Edgar Maddison Welch non è un criminale, anche se  nella contea nella quale risiede in North Carolina vi sono testimonianze legali che si tratta di una persona dedita a droghe e alcol, con incidenti automobilistici e una storia di aver subito violenza da un personaggio armato.
Il signor Welch è figlio di un imprenditore del settore film, ha una madre che fa il pompiere nelle ore libere, attività alla quale cercato di dedicarsi senza alcun successo negli anni passati. Viene descritto come una persona super innamorata delle due figliolette, separato dalla moglie che lo ha mollato, con una girl friend, conosciuta in un party a base di droga.

Ma quello che è grave in questa storia è che su Internet si sono riversate migliaia di dichiarazioni di sostenitori di questo tale tra le quali merita citare quella di Michael Flynn JR, il figlio e principale assistente di quel generale  Michael Flynn che è stato scelto nei giorni scorsi dal presidente eletto Donald Trump come suo braccio destro per la sicurezza nazionale.

"Fino a che il Pizza Gate non sarà provato essere falso, questa storia rimane in piedi.", Ha scritto e affermato il rampollo del generale.

I giornalisti dei vari media, a cominciare da quelli del Washington Post, dopo aver scritto su questo episodio si sono visti arrivare sui propri computer minacce che vanno dalle percosse all'essere fatti fuori, per aver messo in dubbio l'autenticità della teoria cospirativa.

E questo la dice lunga sul clima che si respira qui negli Stati Uniti a seguito delle molteplici dichiarazioni che il presidente eletto Donald Trump ha fatto e continua a fare nei confronti dei media e dei giornalisti che non può considerare come suoi lecchini.

Quando si cerca di distruggere l'informazione corretta si mette in crisi uno degli elementi basilari del vivere democratico e si conferma una realtà di comunicazione nella quale siamo sempre più immersi e che ha preso ormai il nome di "post verità", intendendo che le vere notizie sono solo quelle che si trovano a milioni su Internet.

Un momento di grave disagio per questa grande nazione in cui la stampa, cane da guardia, ha sempre esercitato un ruolo di difesa dei cittadini contro il prevalere di cosche politiche ed economiche.

Renzi’s defeat is bad news for Europe


(From  The Washington Post)
Italian prime minister resigns after voters reject constitutional reforms
Europe is now being pulled by two irreconcilable political ideologies after Austrian voters in Sunday’s presidential election threw their support behind a liberal, pro-European Union candidate, whereas in Italy, the reform-minded prime minister, Matteo Renzi, was roundly defeated by anti-establishment and anti-E.U. movements.
One ideology, shown by the Austrian result, is wedded to the idea of an open Europe and a strong E.U. based on tolerance and solidarity. The other, as many Italians showed, is inward-looking, anti-immigrant, anti-E.U., anti-globalization. It is convinced that the nation-state can go its own way.
Whichever movement prevails, it will have profound implications for the future of Europe’s relations with Russia, Europe’s security and defense ambitions, and the transatlantic relationship which has been called into question by U.S. President-elect Donald Trump.
Moreover, the results in Austria and Italy show how supporters of both movements will make a big push to influence the outcome of the presidential elections in France, which will take place in the spring of 2017, and the German federal elections, which are scheduled for next fall. The results of both will determine if, or how, the E.U. will continue to survive.
“These two elections are very important,” Lorenzo Kihlgren Grandi, a lecturer at Sciences Po in Paris, told me. “Pro-E.U. movements have to find ways to fight for the idea of Europe, for its diversity, for what it stands for,” he said.
Britain’s decision to leave the E.U. and Trump’s election as the next U.S. president have given Euro-skeptic parties a boost. But not everything is going their way.
Pro-European supporters can take heart from the Austrian result. Alexander Van der Bellen, a Green politician who ran as an independent, managed to defeat his far-right wing opponent Norbert Hofer in a rerun. That Hofer had at times threatened to pull the country out of the E.U. swung voters around to Van der Bellen.
“It showed you can win elections in Europe with pro-European views,” Tessa Szyszkowitz, the Britain correspondent for Profil, the Austrian news magazine, told me.
But not in Italy.
Prime Minister Renzi’s attempts to introduce far-reaching constitutional reforms aimed at streamlining the government, which would have given it more powers to modernize the country’s flagging economy, were roundly defeated. On Sunday, Renzi announced he would resign from office.
Renzi’s defeat cannot be underestimated. This is bad news for Europe.
The anti-establishment Five Star Movement, led by Beppe Grillo, and the anti-immigrant Northern League that is deeply anti-E.U. — even wanting to take the country out of the bloc — are both waiting in the wings.
Italy, unlike Austria, is one of the founding members of the European Union. It supported the establishment of the euro currency. It used to be a passionate defender of more European integration. It used to be one of the bedrocks of the E.U.
But over the years, its economy and politics has been plagued by inefficiency that has fueled unemployment, a gargantuan bureaucracy, the mafia and a media recently controlled by the former prime minister Silvio Berlusconi. Even so, Italy was always regarded by Berlin and Paris as a crucial member of the E.U. Its future membership may now be in doubt.
“The danger for Italy now is that a string of unpredictable outcomes — ranging from a difficult-to-control euro decline to a run on troubled Italian banks and a further loss of credibility of the European Central Bank — could ensue,” argued David Marsh, managing director of the Official Monetary and Financial Institutions Forum.
“With the main opposition parties that backed the No vote all declaring their wish to leave the euro, and anti-establishment groupings gaining round in other important member countries including France, European fragmentation is plainly accelerating,” Marsh added in an overnight analysis of the Italian result.
The Italian result could have major foreign policy implications.
It will make Europe less united and less prepared to deal with the incoming Trump administration.  Trump’s pro-Russian, anti-globalization views combined with a more inward-looking United States chimes well with anti-E.U. and populist movements across Europe.
That is good news for Russian President Vladimir Putin. The last thing he wants is a strong Europe. That is why the French and German elections are so important to him and the E.U.
Angela Merkel, the German chancellor who announced that she would seek a fourth term, said it would be one of the most difficult campaigns she has fought. Russian interference could play a role in that.
Germany’s domestic intelligence agency has accused Russia of being behind a series of cyberattacks on German state computer systems in 2015. In May 2016, hackers also targeted Merkel’s Christian Democratic Union party.
Bruno Kahl, Germany’s foreign intelligence chief, warned that Russia could seek to disrupt next year’s German elections with cyberattacks. He said the agency was aware of cyberattacks with no other purpose than “causing political uncertainty.”
“Europe is in the focus of this attempted disruption, and Germany in particular,” he told Sueddeutsche Zeitung.
Merkel is still Europe’s undisputed leader. She has insisted that the E.U. keeps sanctions on Russia and defends NATO. She has kept Europe together.
Merkel will certainly need strong support from France; thus, much depends on the outcome of its presidential election. Should Marine Le Pen, leader of the far-right National Front, win, she would likely do what the British did in June: call a referendum to decide the country’s future in the E.U. If the Italian result hit at the core of the E.U.’s founding members, a French victory for Le Pen could be the bloc’s undoing.

Referendum Cupio Dissolvi: Dialogo Platonico

Commento -  Così il  Pd ha rottamato se stesso

Platone:
Carissimo, fedelissimo Fedone, che felicità vederti di nuovo qui ai miei piedi nel bar del Monte Olimpio, sorbendo il nettare degli dei e commentando quel che accade nel mondo qui sotto…
Fedone:
Venerabilissimo ed eccelso mio gran maestro… Mi trovate in una condizione psicologica e fisica di grande abbattimento dovuta al voto che si e' avuto in Italia e che ha visto come conseguenza immediata le dimissioni del giovane e rampante Primo Ministro Matteo Renzi, soverchiato da una moltitudine di 'no' che ha stupito i suoi stessi più accaniti oppositori. (59,5 per cento dei voti contro il 40,4%).
Platone:
Giovane virgulto, quella "tramvata" il tuo energetico coetaneo se l'è andata a cercare personalizzando un referendum sulla modifica della costituzione italiana che poteva avere anche qualche ragione di consenso, considerato che la gestione della cosa pubblica nella meravigliosa penisola è costantemente affaticata da una ipocondriaca burocrazia parlamentare e di tutte le istituzioni.
Fedone:
Oh mio maestro di vita, mi rendo conto che, con il dovuto rispetto, a voi questa tramvata ha fatto certo piacere considerando che non siete certo uomo di sinistra e mai lo foste nell'arco della vostra luminosa esistenza. Ma resta il fatto che il 59% dei consensi che sono andati al "no" in Italia partivano tutti da un'unica considerazione che è tipica delle consultazioni referendarie: la domanda di fondo che gli oppositori di Matteo Renzi sono riusciti a far filtrare nelle menti obnubilate di milioni di elettori  è che c'era qualcuno che voleva  distruggere la costituzione italiana. Matteo Renzi c'ha messo molto del suo personalizzando un referendum che doveva invece avere solo una connotazione tecnica per cercare di rendere l'Italia un paese moderno e simile nella sua conformazione istituzionale alla maggioranza delle altre economie industrializzate. Ma non ce l'ha fatta anche se, tardivamente, alla vigilia del voto ha dovuto e voluto riconoscere di aver errato in questa sua strategia.
Platone:
E ti sembra poco?
Fedone:
Mio eccelso mentore, e' il sistema referendario o para referendario che non funziona complice anche il popolo bue. Vorrei ricordarvi che l'otto e il 9 novembre del 1987 ci fu un referendum in Italia  e tra i vari quesiti venne posta la domanda all'elettore: volete che vicino a casa vostra sia installata una centrale nucleare? La conseguenza di quel referendum fu che in Italia le quattro centrali nucleari già costruite furono smantellate e ancora c'è il problema dello smaltimento dei rifiuti nucleari. La corrente elettrica viene importata da centrali che sono immediatamente al di là delle Alpi. In Francia recentemente il responsabile del dipartimento nucleare ha diffuso un rapporto in cui si dichiarano le forti preoccupazioni per probabili incidenti che potrebbero verificarsi nelle centrali, senza considerare i pericoli del terrorismo. L'energia importata costa alle imprese italiane il 30% in più rispetto a quello che sarebbe costata se fosse stata prodotta sul territorio nazionale. Una falla nucleare in una centrale francese o slovena immediatamente si ripercuote sul territorio nazionale italiano; del resto basta pensare alle conseguenze di Chernobyl  ed alla verdura e ai funghi italiani che non potevano essere considerati commestibili in quanto già inquinati da radiazioni… Poi, molto più vicino a noi, c'è stato il Brexit con l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. A questo proposito basterebbe ricordare le interviste fatte immediatamente dopo a tanti votanti inglesi  che dichiaravano di non sapere esattamente cosa fosse l'Unione Europea della quale comunque non gliele poteva importare di meno. A conferma dell'incredibile livello di abbrutimento culturale della nobile Gran Bretagna.
Platone:
Mi sembri come al solito molto radicale nelle tue affermazioni. Anche quel referendum inglese è stata una manifestazione della incapacità politica dell'allora primo ministro Cameron che ha creduto  di poter avere una conferma del proprio status politico mentre è stato ricoperto da una valanga di voti contrari e ha dovuto anche lui  dimettersi immediatamente dopo il voto.
Fedone:
Eccelso esempio di potenza intellettuale: considerate che le elezioni dell'8 novembre negli Stati Uniti hanno rappresentato anch'esse una sorta di referendum nel quale hanno giocato le sollecitazioni populiste, la rabbia di una classe media impoverita e smarrita, il rifiuto della perpetuazione di dinastie monarchiche nella più antica democrazia moderna, ma soprattutto il rifiuto di tenere conto che un presidente diverso perché nero ha avuto in lascito dal suo predecessore repubblicano Bush due guerre sanguinose anche sul piano finanziario nazionale ed un disastro economico che ha avuto un effetto domino su tutti gli altri paesi e che ancora la povera Italia sta pagando in termini sostanziali. Ma l'elezione di un palazzinaro come Donald Trump (una vittoria che grida vendetta perché la sua oppositrice Hillary ha vinto il voto popolare con uno scarto di oltre 2 milioni, ed anche questo è un problema da rivedersi  per quanto riguarda la costituzione americana…)  non farà stare meglio gli americani. Ed è sintomatico che pochi si siano ricordati che il nero della Casa Bianca ha ridotto la disoccupazione al 4.6% un risultato eccezionale se è paragonato per esempio ai livelli di disoccupazione che affliggono il mercato del lavoro italiano.
Platone:
Mi stai confermando che tu ti eri innamorato di Matteo Renzi e del suo autoritarismo basato sul fiato e non sulla sostanza. Quanto al referendum che del resto noi ateniesi abbiamo inventato oltre 2000 anni fa si tratta dell'unico modo per far marciare avanti una democrazia ammesso che la parola "potere del popolo" abbia ancora un significato in questo millennio
Fedone:
Anche questo referendum in Italia ha dimostrato che, come è successo negli Stati Uniti recentemente, i media tradizionali non hanno più una presa decisiva sulle coscienze. Donald Trump ha fatto campagna tramite Twitter. Altrettanto dicasi per l'Italia dove la maggior parte delle opposizioni è riuscita a far breccia superficialmente sulla volontà dei votanti attraverso i media sociali. Si aggiunga poi che le super frequenti apparizioni del premier Matteo Renzi su tutte le televisioni hanno scatenato forse una sorta di bulimia di immagine che si è ritorta in un boomerang mediatico contro il governo annullandone gli interessanti risultati che aveva ottenuto nei 1017 giorni di permanenza a Palazzo Chigi. Di quei 16 milioni di voti "no" come avranno votato i giovani? Io penso che molti abbiano voltato le spalle al giovane inquilino del governo per invidia, per depressione, per un futuro incerto e senza garanzie, per la mancanza di volontà di reagire, per la voglia di cambiare tutto per poi non cambiare nulla. Poi ci sono giustamente i voti di quelli che devono vivere con 500 euro di pensione al mese e non è che la mancia di 80 euro fatta da Matteo gli abbia attenuato la voglia di spaccare tutto. Matteo Renzi ha preso il governo quando il prodotto nazionale lordo italiano era con segno negativo e lo ha ricondotto ad un + uno. Ma alla gente di tutto questo non gliene importa un bel niente. Volete sapere chi è il vero vincitore di questa elezione? È Berlusconi che appollaiato su un ramo ha saputo giocare da avveduto ottantenne una sua battaglia a scacchi che lo porterà ad essere l'ago della bilancia per una trattativa che porti alla modifica di una legge elettorale elettorale da approvare entro brevi termini possibilmente con la previsione di inserire un meccanismo che eviti la presa di possesso del governo da parte del Movimento dei Cinque Stelle.
Platone:
E adesso che succede nel partito democratico? Matteo Renzi darà le dimissioni anche da segretario di quel partito che ha la maggioranza del Parlamento italiano?
Fedone:
Questa è una bella domanda, illustre maestro. Ci sono varie tesi che circolano tra cui quella che Matteo Renzi starebbe considerando la creazione di un partito di centro sinistra nel quale raccogliere anche una larga massa di consensi di conservatori disorientati da questo momento politico. Interessante è quanto ha dichiarato il giovane sindaco di Firenze Dario Nardella che ha detto che bisogna tener conto di quel 40. 4% dei votanti che hanno dato la loro adesione al "si". Questi sono voti veri, ragionati e razionali, non di pancia, che hanno tenuto conto di quanto il giovane Matteo Renzi e i suoi ministri hanno saputo fare in quasi tre anni di governo. Così come sono voti veri quelli degli italiani all'estero che hanno votato per il 67% a favore del "si'". Ma non credo che Matteo Renzi darà le dimissioni da segretario del PD anche se sicuramente in queste ore ne avrebbe forse voglia. Tenuto conto del misero comportamento dei dissidenti della sinistra del suo partito capitanati da Bersani (che continua nelle sue folli affabulazioni zoologiche del tipo "la mucca nel corridoio") e da quel D'Alema che anche in quest'occasione ha confermato di essere il Terminator della politica italiana. Comunque è troppo facile dare per spacciato Matteo Renzi: è un tipo tosto che in questi tre anni di governo si è fatto una grossa preparazione ed esperienza nazionale ed internazionale.. Sarà certamente ancora un gran protagonista sulla scena politica.
Platone:
Carissimo Fedone: come vedi questa volta ti ho fatto parlare sperando che la tua pressione arteriosa arrivata a un problematico livello potesse cominciare a scendere. Vedrai che tutto si sistemerà nella amata Italia come è sempre successo. Del resto pensa che in 70 anni si sono avuti in quel bellissimo paese 63 governi ed uno in più non farà certo male anche se durerà lo spazio di un mattino. Gli italiani sanno sopravvivere a tutto, soprattutto alle autorità che cercano di condizionarne i comportamenti.  Gli italiani sanno come cavarsela e poi per loro fortuna  esiste una criminalità organizzata che ormai si è estesa a tutta la penisola e a livello internazionale tanto che riesce a controllare ogni attività economica e rappresenta quindi una vera e propria garanzia di progresso! Perché donne, gioco,  droghe, corruzione, familismo, conventicole, mi faccio gli affari miei, si vende tutto a cominciare dal proprio corpo, morale inesistente, modelli etici scomparsi, chi se ne frega  di quelli che hanno bisogno a cominciare da i migranti che rischiano la vita nelle traversate marine, tutto si compra compreso l'amore, questo e molte altre cose sono le note dominanti di un andazzo multietnico ma nello stesso tempo razzista che sta sconvolgendo gran parte  delle nazioni industrializzate a livello planetario. Pochi ricordano l'avvertimento di quelli che negli anni 50, il Club di Roma, prevedevano che vi sarebbe stata una invasione dal Sud verso il Nord che avrebbe cambiato le carte in tavola. E' quanto sta avvenendo e a noi qui nell'Olimpo non resta altro che stare a guardare con molto interesse. Del resto, mio giovane menestrello della parola, imperi e dinastie sono nati e sono morti e vale quello che diceva il mio connazionale Eraclito: "Panta rei", tutto scorre e tutto si modifica. Arrivederci alla prossima e adesso fammi fare un riposino perché le tue elucubrazioni mi hanno un po' appesantito.
________________________________________

Che scoppola!!!
Stefano acquisti
________________________________________
Bravo!
Maria F.
____________________________________________

Grazie Oscar,
molto interessante, sicuramente e' stato un errore aggianciare al Governo una decisione cosi' importante sulla costituzione.
E nonostante la capacita', tutta italiana, di superare i molti momenti delicati come questo, sono molto preoccupata per il futuro del nostro Paese.
angela T.
________________________________________
Straordinario Fedone.
Franco Bernazzani
____________________________________


Alcune domande:
Perché quando la stessa proposta l'ha fatta Berlusconi è stato accusato di desiderio di autoritarismo e invece Renzi viene presentato anche dalla stampa internazionale come trombato da un popolo bue e incavolato?
Perché nessuno fa riferimento alla modifica del titolo quinto come se non fosse stato le interiora del cavallo di Troia?
Perché non si fa riferimento alla incapacità di governo e camera dei deputati (non senato) di trovare possibili tagli alla spesa pubblica in presenza di costi rampanti (migliaia di miliardi, non decine di milioni come i benefici del taglio del senato)?
Perché nessuno ha considerato sospetto un emendamento alla costituzione disegnato da un solo partito e proposto da un governo non frutto di regolari elezioni quindi transitorio di natura?
Ed infine, perché nessuno si è preoccupato di avere messo il carro/costituzione davanti ai buoi/legge elettorale?
Clark Misul
____________________________________________