Translate

Ultimo dell'anno a Bangalore (video)

La donna come 'commodity' nella tradizione Indiana


The rape question in Indian society

Dr Meinam Binota, DEc 29, 2012:
Sexual violence Many social theorists view rape not only as an ugly crime but as a symptom of an unhealthy society
New Delhi, Dec 16, 2012: In the fog-soaked neon-lit Delhi streets, a police van came across a young couple lying naked just near the pavement. 

Naked and dishevelled, the boy incoherently mumbled in fear and chill that the heavily bleeding unconscious girl beside him had been gang-raped inside a bus.

Ulhasnagar (Thane near Mumbai), Dec 17: A 40-year-old woman accompanied by her husband and son was groped and molested in a busy bazaar street by two persons. On being confronted, the molesters thrashed the woman's husband and son.
Chandel (Manipur), Dec 18: A Manipuri actress while hosting an event, was molested and assaulted allegedly by a Naga militant, in front of security forces.

Kasargod (Kerala), Dec 24: Four men whisked off an orphan girl and gang-raped her in a vehicle before dumping her at Kumble Railway Station. An autorickshaw driver, on pretext of providing help, took her to an isolated place and along with his friends ravaged her. Police found the unconscious girl lying on a road and admitted her to a hospital.

These cases from the four points of Indian sub-continent are bound by an intangible thread woven in unconscious collective memories of a misogynist past.

The case lists of sexual assaults-verbal, physical and visual-on the ‘Second Sex’ that just 
adds to statistics, filling tomes and tomes in the court of law, rarely touches or even scratches the veneer hiding the brutal and hideous face of societal structures that covertly want women to remain subjugated and men to be rulers.

To reduce any social phenomenon to one cause is erroneous; it is always the inter-play of various factors, including social histories and traditions described in epics or scriptures of the past that shapes a social perspective.

Western literary classics like Homer's Iliad and Odyssey treat women as objects and so do several Indian epics. 

Mythology as prelude
Without going into the debate of interpolations, a reading of 'Mahabharata’ makes it amply clear how men in the great epic, ‘molested and raped women,’ under a beautiful pretext. Take a look at these episodes:

*  Bhishma treating Amba, Ambika and Ambalika as commodities shifting them here and there as per his convenience and desire.
*  Ambika and Ambalika give their bodies to Vyas but not their hearts. They can’t go beyond the social commands of higher authority. But Ambalika, during the second visit of Vyas, sends her maid in her place.
n  Kunti has three sons out of wedlock to prove Pandu’s virility; is it forced or consented? *he has no right to raise the question because asking the same will be against the social system.

These episodes vividly show that the acts were seeped in unwillingness/non-consented 
sexual union (which may be called rape by definition of Indian laws).

Suppression, sacrifice, obedience and kindness are the lessons drilled into the psyche of womenfolk in India. The sanctification and inviolability of marriages and ideals of perfect chastity of women etc., are all written in Vedas/ Upanishads and the constitution of the country.

However, the hidden laws, customary laws (particularly in North-East India), Panchayati laws (Khaps of Haryana and Punjab) are the laws that operate and influence daily lives of people in different parts of the country. These subterranean practices cannot be done away easily as visualised by the national policy and lawmakers.

In Islamic laws, marriage is a contract; it is nothing short of buying and selling a commodity. Men are the buyers and women are the commodities.

Thus, the recent reports of gang rape in Delhi or gang-rape of two Mizo girls or molestation of Manipuri film actress by NSCN (IM) cadre in Manipur are clear manifestations of the century old social histories, customary laws of the country and an economic system that dehumanises human body for marketing purposes.

Act(s) of rape and molestation, be it Delhi or Chandel (Manipur,) cannot be looked at in isolation; nor do these chilling acts have anything to do with Sheila Dixit (good/bad) governance or Ibobi’s (lack of) governance.

They are living legacies of our patriarchal and masculinity-adulatory social texts and customary laws juxtaposed with mass media hammering the same anti-woman norms through bombardment of visuals treating every part of female anatomy as a tantalising product.

This treatment of women as commodity is precisely what disturbs the thinking section of people (mostly women) as this is one of the key causes that has made the modern times for females no different from ancient times.

Death sentence, castration, life imprisonment and other similar demands being made by women protestors at this stage are nothing but knee-jerk reactions of an outraged female populace that has always been at the receiving end since time immemorial.

Those wanting to convert the country into a police or military state forget that the numbers of rapes and molestation committed by armed forces in Kashmir, North East and tribal areas might chill their bones and numb their minds. 

Amendments to laws and judicial systems may be of very little benefit to the victims. Rather they serve as adrenaline to the culprits as the punishment and penalty meted out to the guilty are disproportionate to the crime committed.

The atrocity on woman is not just confined to rape or molestation in isolation; instances of harassment at workplace, home, academic institutions are indicators that even the most urbane areas are seeped in values which are discriminatory and exploitative in nature.

Family as a unit
The need of the hour is not draconian laws but a rethinking process starting from the family as a unit itself. Setting an agenda of this kind would definitely go a long way in reforming/restructuring our male chauvinistic and misogynist social institutions.

To say that rape is a crime against women is to state the obvious; a stark fact that has been known all along. Again to say that sexual assault is the most violent act of masculine authority over female body is to re-state what has been stated all along.

What has not been stated but needs to be said is the encouragement (read sanction) of male (read society) treatment of woman as ‘sexual object’, ‘commodity’ by our social system. Covert or otherwise.

(The writer is an Associate Professor in the Department of Economics at Imphal College, Manipur University.)

As the December 16 gang-rape of a 23-year-old paramedical student in the country’s capital finds tragic closure in her painful death after nearly two weeks of struggle, Sunday Spotlight seeks answers for this symptom of a deeper malaise in society. 

La mia Bangalore.....(L'India vista da una donna)


Carissimi,
il tempo  per noi,di essere .... indiani, sta per scadere ed il 2013 ed il 4 gennaio, (data del nostro rientro a Washington) si stanno avvicinando a passi da gigante..
I giorni sono volati, ed eccomi qui  nuovamente, per augurarvi  un bellissimo Nuovo Anno. Dire di conoscere l`India in 30 giorni, vi sembrera` un po` eccessivo, ma vi voglio raccontare in breve, e con piccole testimonianze significative, l`India dal mio modesto punto di vista.
O meglio, come io vedo Bangalore e la sua gente.
Una citta` che e` solo  un microcosmo nel grande Pianeta India (anche se ha otto milioni di abitanti). La vedo nei suoi dettagli, nei minimi particolari della vita quotidiana. non con l`occhio del turista, ma con l`occhio di chi ci abita,se pur provvisoriamente,con l`occhio di chi deve affrontare giornalmente problematiche di immediata sopravvivenza.
Ed essere straniero.
L`immersione nel traffico, alla ricerca di un oggetto specifico che a Marco (mio figlio) serve per tutti i computer  acquistati per gli impiegati e quindi del negozio che qualche locale ti ha indicato, per poi, perdersi nei meandri della citta` nelle strade senza nome, dove non esistono indirizzi precisi, dove nessuno sa darti un`indicazione, nemmeno approssimativa, nemmeno il taxista, nemmeno il titolare del negozio che stai cercando, e nemmeno il passante a cui ti sei rivolto e che gentilmente ha telefonato al negozio in questione e nemmeno  il conduttore del riscio` sul quale sei salito e ti sei fatto guidare.
Mentre la pollution ti morde la gola e ti graffia i polmoni.
E poi trovarlo, ma e` quasi solo per caso.
Il tecnico con il quale hai preso l`appuntamento, non e`, come di indiana prassi, puntuale e mentre ti riempiono di promesse e rinvii, di bugie, il famigerato in questione,si presenta dopo quasi 2 ore e mezza.
La causa e` sempre del traffico e tu lo sai, ma sai anche  che la puntualita` non e` proprio una qualita` indiana,..
Ma ci devi credere perche` anche tu sei gia` stremato.
I vicini di casa sono persone stupende, hanno affittato una villa di poco piu` piccola della nostra, ma il loro salotto,e` vuoto, i letti non esistono, per camminare vanno frequentemente a piedi nudi, o usano i sandali infradito e per dormire hanno, secondo la cultura dell`indiano " povero", i materassi per terra, e le bambine,7 e 13 anni,giocano con una lavagna dove ci fanno dei disegni.
Frequentano la scuola locale ed hanno una bella divisa bianco candido e blu, calzettoni bianchi e scarpe scure.
Due lunghe trecce nere come il carbone , degli occhi profondamente scuri. La piu` grandicella parla un inglese che, se pur con accento indiano, e` sicuramente meglio del mio.
Ed anche a voi,come a me sembrera` strano.
Il padre,fa il rappresentante di macchinari e gira tutta l`India. Ma i quattro, hanno un cuore,grande cosi`.
Uno di voi, mi ha chiesto di parlare dei profumi dell`India.
Sfortunatamente, quelli non li ho mai sentiti. Quelle  sono sensazioni da turisti.
Il turista,frequenta grandi alberghi, usa il taxi e fa i tour organizzati, vede le cose piu` belle e sente i profumi dei fiori, il canto  degli uccelli, visita i famosi Templi e le grandi foreste e vede il volteggiare delle scimmiette tra le fronde degli alberi centenari.
Ed e` quella quindi l`India, che  colpisce,  affascina,e  fa rendere  il viaggio indimenticabile, e mentre torni alla tua dimora, non fai altro che sognare di ritornare.
Il giorno di Natale, mamma e figlie, le vicine di casa, come tre Re Magi, hanno portato doni da loro cucinati.
Siamo rimasti molto colpiti.
Giorni fa abbiamo visto volare un vigile urbano, preso in pieno da un giovane motociclista sbadato o forse soltanto ancora non abbastanza esperto  conoscitore del traffico, come gia` vi ho detto,da cardiopalma.
Il soccorso e` stato immediato. Decine di uomini si sono precipitati sul corpo sanime, raccogliendolo per braccia e gambe,i ncuranti  di procurare ulteriori danni all`investito e lo hanno portato via dalla strada.
Ci sarebbe ancora tanto da dire. Il controsenso di una civilta` in cui solo una minima parte corre alla velocita` del vento. Frequenta i Malls all`americana, i Mdonalds, mangia quasi sempre solo con la mano destra,perche` dell`altra fa un diverso uso, usa piu` la mano che le posate,veste con i jeans, ma non disdegna la divisa nazionale.
Regna il saahari dai mille colori e le tuniche munite di pantaloni larghi o a fuseau e rigorosa sciarpa che cade all`indietro su entrambe le spalle.
Poi c`e` la categoria che si muove con  piccole utilitarie, e quella che si muove con  motociclette ascquistate ai negozietti dell`usato, con i riscio` che  sono muniti da un piccolo tassametro, ma fanno finta di dimenticarsi e una multitudine di uomini,donne,bambini che riempiono i vecchi autobus a grappoli, che riempiono le strade a gruppi,a fiumi.
E poi ci siamo noi,  occidentali, guardati come se fossimo ufo, ma ci guardiamo a vicenda, entrambi incuriositi gli uni degli altri, che ci muoviamo timorosi in quelle strade che di civilta` hanno ben poco, cercando di sopravvivere ai disagi, agli odori di immondezza, di sterco e di diossina.
Buon Anno a tutti!
un abbraccio,
Franca
Bangalore (India)

Bisleri: basta la parola


Vi parlo da Bangalore, India.
Molti in Italia che sono in la' con gli anni ricordano certamente il Ferro China Bisleri, un liquore che piaceva tanto alle nostre nonne e che prometteva risultati eccezionali vista la presenza del ferro che avrebbe potenziato la resistenza fisica.
Questa bevanda era un'invenzione di Felice Bisleri, al quale e' dedicata una via di Milano. Combattente per la liberta' con Garibaldi, questo scienziato oltre al Ferro China si invento' la depurazione e imbottigliamento dell'acqua in India, paese nel quale sei costretto a bollire ancora oggi l'acqua che esce dai rubinetti se non vuoi prenderti la dissenteria. Al punto che anche negli alberghi di lusso si suggerisce di tenere la bocca chiusa quando si fa la doccia.
La Bisleri e' stata venduta nel 1965 ad un imprenditore indiano, Ramesh J Chauhan, che comunque ha voluto mantenere il nome italiano all'azienda che conta oggi una presenza di 18 impianti diretti in tutta l'India piu' altre decine di aziende collegate e produce miliondi litri di acqua depurata.
Gli indiani ignorano che Bisleri e' un nome italiano, anche se la parola e' da tempo entrata nel lessico quotidiano a indicare acqua potabile venduta in grandi contenitori di plastica e in bottiglia.

Cosa fai se lo UPS non ce l'hai?! (video)

Violenza di gruppo sulle donne....Qualcuno l'assolve...colpa della donna, ovviamente!

La ragazza di 23 anni vittima della criminale ferocia di un gruppo di sei ubriachi che l'hanno assalita il 16 dicembre su un autobus di linea e' morta al Mount Elisabeth Hospital di Singapore dove era stata trasferita nei giorni scorsi nella speranza di recuperare le sue gravi condizioni.
La giovane che era in compagnia di un amico, che non e' stato identificato, era uscita dalla proiezione serale di un film e aveva preso l'autobus per andare a casa. I sei criminali, tra i quali sembra vi fosse anche l'autista del mezzo, l'hanno assalita, violentata e sodomizzata con una sbarra metallica sfondandole gli intestini ed infine l'hanno gettata fuori del bus dove e' stata raccolta da alcuni passanti.
Nei giorni scorsi si sono avute maniefestazioni di protesta a New Delhi organizzate da movimenti femministi che invocavano l'intervento delle autorita' per porre un freno al dilagare delle violenze sulle donne.
Mentre la ragazza oggetto dell'aggressione era in fin di vita, un'altra giovane di diciotto anni, che era stata violentata nel Punjab, da un gruppo di uomini nel novembre scorso si e' suicidata ingerendo un veleno a seguito del suo rifiuto di sposare uno dei suoi violentatori.
A parte le manifestazioni di Delhi che sono state fronteggiate dalla polizia a bastonate perche' in India ogni adunata di protesta e' proibita, a parte la dichiarazione di Sonia Gandhi che si e' decisa a uscire dal suo silenzio dopo due settimane dall'accaduto, a parte la denuncia fatta da alcune leader del movimento femminista che hanno detto che alcuni capi della polizia avevano tentato di porre sotto silenzio l'accaduto, a parte tutto resta il fatto che, purtroppo, anche questo episodio ricade in una medievale cultura indiana in cui il ruolo della donna e' analogo a quello di un animale. Anzi si deve dire inferiore se si considerano i riguardi per le vacche sacre che pascolano nell'immondizia gettata sulle strade e il concetto di religiosa metempsicosi per cui e' meglio non uccidere la zanzara perche' potrebbe essere zio Luigi reincarnato.
I media hanno cominciato a riportare commenti di uomini politici conservatori che sostengono che le donne queste violenze se le vanno a cercare per colpa del loro abbigliamento (sono impaccate nei loro sarhi, tutti uguali, senza trucco, per non parlare delle musulmane che sono coperte dalla testa ai piedi). E poi, sostengono questi campioni della nuova India, le donne non devono uscire la sera. Quanto alle femministe che chiedono diritti per le donne sono definite ragazze 'disco'  che passano il tempo a fare proteste dopo essere state a ballare nelle discoteche.
Ricordiamo che una recente legge consente alla donna che deve sposarsi di chiedere almeno che il futuro marito garantisca che in casa vi sia un angolo per i bisogni intimi. Infatti molte donne nelle zone rurali vengono violentate quando escono di casa in un campo per assolvere alle proprie necessita'. Per ogni stupro dichiarato si calcola che ve ne siano stati oltre cinquanta che non vengono a galla perche' la donna e' intimorita e per la pressione delle famiglie a lasciar perdere.
Una situazione questa che contrasta con la rapida evoluzione della societa' indiana nei centri maggiori. Non bisogna comunque dimenticare che su una popolazione di oltre un miliardo e 241 milioni di persone, circa 300 milioni hanno una condizione e stili di vita paragonabili a quelli del mondo occidentale, mentre il resto della popolazione vive in una dimensione attraversata da profonde diversita' religiose spesso in conflitto cruento tra loro e culture all'insegna del disprezzo dei diritti della donna che deve ringraziare Vishnu piuttosto che Shiva se non la gettano sulla pira del defunto marito come per secoli ci si e' comportati in questo sub continente asiatico pieno di contrasti.

Oscar Bartoli
Bangalore (India)

Una famiglia sul Mecong

(riceviamo dal carissimo lettore Franco Bernazzani di Roma e volentieri pubblichiamo)

Mia figlia Paola, il marito Jeff e i suoi 2 figli Luca e Azzurra si sono imbarcati in una straordinaria avventura ridiscendendo in barca il fiume Mekong. Paola e Jeff sono due grandi combattenti contro l'inquinamento del sistema ecologico  esistente. Jeff in particolare lavora come senior scientist presso la prestigiosa The Nature Conservancy e ha pianificato di ridiscendere con tutta la famiglia il Fiume Mekong, dove e' pianificata la costruzione di diverse dighe e verificarne l'eventuale impatto ambientale. Di seguito il sito web della Nature Conservancy dove Jeff quotidianamente riportera' con foto e scritti le osservazioni che tutta la famiglia fara' durante il viaggio. Per chi di voi ha conosciuto Paola sa che questa sara' una lettura interessante e che molto poco sara' lasciato all'ovvio! 
Il Papa' orgoglioso


My daughter Paola together with her husband Jeff and her two kids Luca and Azzurra is undertaking an extraordinary adventure descending by boat the Mekong River.Paola and Jeff are both two great fighters of what contaminates the existing eco-system. Jeff in particular works as a Senior Scientist with the prestigious The Nature Conservancy. He planned to descend the Mekong River, taking along all his family, to survey the environmental impact produced by the relative eventual construction of dams. Above see the Web site where Jeff will update daily his diary with photos and observations of the whole family. Those who met and know Paola, are aware that this will be an interesting reading and that very little will be left to the obvious! A proud father!

Terza Repubblica, con quali regole?


                                                  di Guido Colomba


 Pietro Ichino:” Senza Monti la Bce non avrebbe mai potuto salvare l’euro”. I primi sondaggi danno Monti al 20-22%
(The Financial Review Anno 50 - n. 725) 

L'agenda di Monti pone un interrogativo immediato. Siamo in presenza del nuovo modello della Terza Repubblica? In tal caso quali sono le regole di funzionamento? In prima battuta si può dire che la "scelta nobile" di indicare soluzioni di principio, del tutto condivisibili, senza però entrare nei dettagli appare rivolta proprio a questo obiettivo per evitare le deludenti esperienze governative di Prodi. Per ora Bersani, in giro per l'Europa, non sembra voler chiarire le contraddizioni interne sulle ricette di politica economica e industriale. Inoltre Alesina e Giavazzi, sul "Corriere" di oggi, contestano l'"agenda" Monti e chiedono di ridurre "il perimetro dello Stato" con vere liberalizzazioni e meno imprese pubbliche. Vi è esplicita la critica al crescente ruolo di Cassa Depositi e Prestiti che, dicono, dovrebbe semmai essere privatizzata. Sotto tiro anche la spending review che ha ridotto le spese pubbliche di 12 miliardi nel 2012 e altri 12 previsti nel 2013. Per tornare alla pressione fiscale del 33% negli anni '70 occorre, secondo Alesina-Giavazzi, una riduzione della spesa pubblica di ben 240 miliardi. Il dibattito oramai è chiaro e si divide tra innovatori e conservatori, non più tra destra e sinistra. Monti ha costruito una alternativa democratica lasciando fuori le estreme. Inoltre i dati di Giavazzi portano acqua al mulino di Monti poiché confermano che per riformare lo Stato ripulendolo dalle scorie dello sperpero pubblico occorre un lavoro imponente che richiede tempo. Ecco perché vi è una crescente contrapposizione tra chi punta, come Monti, ad una strategia europea sempre più convergente e chi invece ritiene questa politica dannosa e addirittura all'origine della crisi. I primi sondaggi (intorno al 20-22%) sembrano dare ragione alla "salita" in politica del professore. La classe media, forte di 24 milioni di elettori, comincia a gradire i principi riformatori di Mario Monti. Ha capito che il professore della Bocconi è una persona seria e affidabile anche se è stato costretto a imporre sacrifici agli italiani per evitare il fallimento del Paese. Il giuslavorista Pietro Ichino, che ha lasciato il Pd a favore di Monti, ha detto oggi a Radio 24 che senza il lavoro svolto dal governo la Bce non avrebbe mai potuto fare gli interventi (mille miliardi) a difesa dell'euro nèla Germania avrebbe mai autorizzato il Fondo salva-stati e l'unione bancaria europea. Significativo il dibattito sull'economista, premio Nobel, Paul Krugman molto critico (11 dicembre) sulle politiche dei governi europei (Monti compreso). Ma lo stesso Krugman afferma che (1) non si esce dalla crisi senza investimenti, anche attraverso la spesa pubblica; (2) le diseguaglianze frenano la crescita; (3) nella stagnazione le imprese aumentano i profitti a danno dei salari dei lavoratori. Ebbene, a voler leggere con attenzione, nell'agenda Monti questi stessi principi appaiono ben delineati. Il tempo gioca a favore di Mario Monti. (Direttore responsabile Guido Colomba) Copyright 2012 – Edizione italiana



Intervista ai dottori Ratra, noti oculisti di Bangalore (video)

Minime italiane a Bangalore

Il Deccan Herald, quotidiano in lingua inglese di Bangalore, pubblica un lungo editoriale di Emma Bonino sulla recente decisione delle Nazioni Unite di impedire che si continui a praticare la mutilazione degli organi genitali femminili, meglio conosciuta come 'infibulatio'.
Una consuetudine che viene esercitata su oltre cento milioni di bambine e fanciulle all'anno in Africa, Medio Oriente, Asia e che vede anche in Europa stuoli di medici praticarla di soppiatto, grazie soprattutto alle pressioni delle madri.

Sempre lo stesso giornale parla del successo di una sfilata di moda di una sconosciuta fashion designer italiana.

Molti i commenti della stampa indiana sul permesso accordato ai due 'maro' di passare le Festivita' in Italia. Gli osservatori indiani sono in maggioranza convinti che gli italiani si cmporteranno da italiani e che i due soldati di marina troveranno modi ed espedienti per non tornare in India e sottoporsi al giudizio della Corte. La nostra immagine anche in questo paese e' quella di gente di scarsa affidabilita'. Evviva!

Nel traffico di Bangalore si vedono spesso ormai le Punto della Fiat, anche se piange il cuore osservare queste macchine sobbalzare sulle buche e i dossi delle terribili strade di Bangalore.

Se non fosse....Auguri di Buon Anno da Bangalore

Se non fosse per il comportamento criminale di chi guida un'auto o una moto e ti passa da tutte le parti suonando all'impazzata senza alcuno scopo,
se non fosse per l'assoluta incapacita' degli indiani di percepire il senso del pericolo (camminano voltandoti le spalle nel tuo stesso senso di marcia, attraversano la strada infilandosi in mezzo a migliaia di riscio' a motore, taxi, auto, motorette, bus stracolmi di passeggeri,
se non fosse per il mancato rispetto di ogni coda (almeno che non vi sia un poliziotto con il lungo bastone di britannica imperiale memoria),
se non fosse per le tonnellate di immondizia gettate nelle strade anche centrali nelle quali pascolano le mucche sacre,
se non fosse che ogni indiano getta qualsiasi cosa in strada,
se non fosse che l'acqua non e' potabile ed allora biosgna comprare contenitori e bottiglie sigillate di acqua depurata,
se non fosse che quando fai la doccia ti raccomandano di tenere la bocca chiusa pena essere colpito dalla vendetta di Shiva che e' poi quella di Montezuma o del Profeta,
se non fosse che una donna deve stare attenta a uscire da sola (mai di sera) per che' la violenza contro le donne e' all'ordine del giorno nonostante le manifestazioni di protesta delle femministe a Delhi (finite a bastonate degli agenti perche' in India non si fanno proteste pubbliche),
se non fosse che quando vai a mangiare in un locale tradizionale dove il cibo si prende con le mani, biosgna ricordarsi di non usare la mano sinstra che invece viene usata per pulirsi facendo le abluzioni dopo avere utilizzato la toilette,
se non fosse che in pieno giorno trovi sul bordo della strada che stai percorrendo uomini che pisciano tranquillamente (quanto alle donne non sappiamo dove vadano a rintanarsi),
se non fosse che molti indiani sono orgogliosi del modo in cui si destreggiano nei vicoli della burocrazia statale e privata grazie alle buste che distribuiscono (facendo di questo paese uno dei piu' corrotti a livello planetario. E dire che abbiamo esperienza di Messico e Egitto..),
se non fosse che per ritornare alla normalita' uno deve reinserrarsi in uno dei tanti malls luccicanti con le migliori firme americane e italiane, pagando sia pure in rupie  l'equivalente dei prezzi americani,
se non fosse che le strade sono interrotte per fortuna di continuo dai dossi artificiali e dalle buche e voragini spontanee che impediscono al traffico caotico di procedere a piu' di 25 KM all'ora,
se non fosse che sono pochi quelli che parlano inglese e quelli che lo parlano sono incomprensibili,
se non fosse che Bangalore (la capitale tecnologica dell'India) e' una megalopoli di otto milioni di abitanti in continua espansione,
se non fosse che la corrente elettrica va via in continuazione, costringendo privati e aziende a dotarsi di UPS (Uninterruptible Power Supply) e generatori con notevoli costi aggiuntivi di gestione,

se non fosse per questo e altro ancora, dovremmo concludere che l'India del sud (almeno vista dall'interno di Bangalore) e' fatta di gente molto bella (gli uomini in particolare, mentre per le donne e' difficile dare una definizione perche' sono camuffate dentro i loro sahri), cordiali quando uno straniero li avvicina, pronti a darti una mano in caso di bisogno, estremamente ospitali, sempre sorridenti. Sia i 300 e passa milioni del miliardo e 241 milioni della popolazione dell'India che godono di un tenore di vita occidentale sia la restante parte dei meno fortunati divisa anch'essa in caste che tenta di sopravvivere. E non si tratta solo di quel sorriso naturale che e' la caratteristica comune a tutte le genti che vivono in estrema poverta', ma di un modo di essere indiano.

Concludiamo con un Buon Anno a chi ci legge e un arrivederci e a rileggerci da Washington DC.

Montaggio di un'autoradio sulla Tata Nano (video)

“The only thing that stops a bad guy with a gun is a good guy with a gun,” Povera America!!


Sotterrati gli ultimi dei ventisei corpi massacrati dal giovane Lanza nella cittadina di Newtown, Connecticut, i dirigenti della NRA (National Rifle Association) insieme ai repubblicani membri del Congresso stanno occupando tutti i canali televisivi e radiofonici per scongiurare i propositi del Presidente Obama di porre un limite almeno alla vendita delle armi da assalto e dei caricatori con centinaia di colpi.
La NRA ha una platea di un milione e mezzo di iscritti, fanatici delle armi e della caccia, in prevalenza residenti nel sud e nel Midwest della Federazione, nelle zone rurali.
Forti del secondo emendamento della Costituzione adottato il 15 dicembre del 1791 che autorizza il popolo a tenere e portare armi, si rifiutano di dialogare con chi invece e' contrario a questa liberta' assoluta di commercio di ogni tipo di arma.
Ogni giorno negli Stati Uniti 34 persone muoiono in media per armi da fuoco. Su una popolazione di 311 milioni di cittadini si calcola per difetto che le armi in possesso degli americani siano 450 milioni.
La madre del ventenne Lanza, autore del massacro di Newtown, era collezionista di armi e conduceva i due figli al balipedio a sparare. La gelida furia omicida del figlio ha colpito anche questa donna non e' chiaro quando e in quali condizioni.
“The only thing that stops a bad guy with a gun is a good guy with a gun,” ha detto il vicepresidente della NRA,  LaPierre, intervenendo a "Meet the press". Da qui la proposta di armare gli insegnanti e di dotare le scuole di metal detector con personale armato. Si tratta di una proposta idiota perche', tanto per fare un esempio, l'autore dell'episodio nella scuola elementare di Newtown, e' entrato violentemente all'interno dell'edificio contrastato dalla presidente che e' stata la prima ad essere uccisa. Anni fa un altro fuori di mente riusci' a superare il metal detector ad uno degli ingressi di Capitol Hill uccidendo il poliziotto armato della sicurezza.
Resta da dire che il Presidente Obama in questo secondo mandato potra' avere mano libera nel varo di una legge che riduca la diffusione delle armi da guerra solo se riuscira' a coagulare sull'iniziativa la maggioranza dei media americani. La NRA e' la piu' potente organizzazione di lobby e distribuisce centinaia di milioni di dollari a senatori e deputati, repubblicani ma anche democratici degli stati del sud, che vogliono tenere buona la componente favorevole alle armi del proprio elettorato.

Visita oftalmica all'ospedale Apollo di Bangalore (video)

Il nobile addio di Veltroni al Parlamento (video)

Berlusconi sfregia anche Gilbert Becaud

Berlusconi e' convinto di cantare bene le canzoni francesi degli anni 60. Ma la sua voce non e' intonata come succede a tutti quelli in la' con gli anni e che non si sono mai esercitati con tecniche di vocalizzazione.
Adesso l'ultima sparata di questo patetitco clown ci informa che chiudera' i comizi sulle note di una canzone francese di Gilbert Becaud. Ci auguriamo per lui che non sia "Et maintenant", riflessione di uno sfigato prossimo al suicidio.
Riportiamo di seguito le ultime parole che chiudono questo testo di grande valore. Il loro significato potrebbe essere molto allusivo alla situazione in cui  il Cavaliere senza cavallo si trova oggi:


Et puis un soir

Dans mon miroir
Je verrai bien
La fin du chemin

Pas une fleur
Et pas de pleurs
Au moment de
L'adieu

Je n'ai vraiment
Plus rien à faire
Je n'ai vraiment
Plus rien

Liberi per 15 giorni, ma attenti a non fare scherzi all'italiana


Kerala HC allows Italian naval guards to go home for Christmas (The Times of India)







New Delhi capitale mondiale dello stupro



I  principali giornali  indiani, come il The Times of India e il Deccan Herald di Bangalore stanno dedicando da giorni lunghi articoli ad una storia di violenza che si e’ verificata a Delhi.
Una giovane di 23 anni con un amico è salita su un autobus. Un gruppo di sei uomini,compreso il guidatore, si è avventato sulla coppia. La ragazza è stata violentata per ore e massacrata a colpi di mazza ferrata. I due sono stati poi scaraventati fuori del bus dove sono stati soccorsi dai passanti. La giovane ha già subito cinque operazioni di cui l’ultima per l’asportazione di un tratto di intestino. Tre dei criminali sono stati catturati e si cercano gli altri.
L’India ha una popolazione di un miliardo e 241 milioni di abitanti. Nonostante questo paese stia diventando uno dei protagonisti della scena economica internazionale, le sue dimensioni, il conflitto perenne tra diverse culture ancorate a religioni tutt’ora in contrasto, la povertà che affama centinaia di milioni di senza diritti mentre cresce il numero di coloro che escono dal proletariato per entrare nella classe media, fanno di questo paese-continente  un esempio costante di contraddizioni sociali.
La più imponente è ancora il ruolo della donna nella società indiana. Per fortuna non si immolano più le spose bambine sulla pira del vecchio marito deceduto. Ma la donna indiana resta ancora relegata in una dimensione di sottomissione per colpa di una cultura maschilista che considera la donna più come un oggetto che come un individuo di pari dignità.
Una legge recente autorizza la ragazza che dovrà sposarsi in un matrimonio concordato dai genitori, a chiedere almeno che la casa del futuro marito sia dotata di un angolo per i bisogni igienici. Questo per evitare che la giovane debba uscire di casa nel campo dove potrà essere violentata da qualche sconosciuto.
Delhi, non è solo la capitale indiana, ma anche la capitale dello stupro.
Secondo il  National Crime Records Bureau (NCRB), nel 2010 sono stati riportati 414 di violenza sulla donne nella sola Delhi. Ma le analisi rivelano che per ogni stupro denunciato almeno 50 sono quelli che non sono stati riportati evidenziando la grandezza di un problema che ha ormai assunto dimensioni incontrollabili. O forse sarà meglio dire che solo adesso, con l’interesse dei media, emerge una realtà sociale fatta di violenza animale nei confronti delle donne che per secoli è stata sottaciuta e accettata come un fatto naturale.
La colpa dell’aggravarsi di questa situazione è attribuita all’immigrazione di uomini da regioni come Haryana, Uttar Pradesh e Rajasthan caratterizzate da culture feudali.
Ma nel coro di indignazione che commenta sui giornali questi episodi si scorgono anche tentativi di parziale giustificazione. Si dice per esempio che queste storie derivano dal comportamento delle donne che dovrebbero essere totalmente coperte e non uscire dopo le nove di sera anche se accompagnate. Affermazione ridicola se si pensa che le donne indiane indossano pantaloni e una sorta di veste, una fascia intorno al collo che può essere messa sulla testa, escono in strada in gruppi per recarsi al lavoro, non si azzardano ad entrare nei locali frequentati dagli uomini. Che succederebbe se i comportamenti fossero quelli delle ragazze occidentali?
Anche nei malls all’americana le donne indiane si accompagnano con mariti e fidanzati,madri e nonne.


GR3 ore 16:45 sabato 22 dicembre


Gli Indiani vivono piu’ a lungo secondo uno studio pubblicato dall’autorevole rivista Lancet.  La vita media di un uomo indiano arriva a 63 anni mentre quella delle donne a 68, comunque inferiore rispetto a quella cinese e americana ((Quella di un italiano supera gli 82 anni). Una delle cause di mortalita’ in India e’ l’abitudine di cucinare all’interno delle case situate nelle zone rurali, bruciando legna mista a escrementi animali. A questo deve essere aggiunto l’inquinamento nei grandi centri urbani dovuto al traffico e le condizioni tremende determinate dalle fogne a cielo aperto. Gli indiani sono un miliardo e 200milioni. Di questi, 300 milioni hanno un reddito paragonabile a quello dei paesi sviluppati. E sono concentrati nelle grandi aree urbane. Gli altri sopravvivono. Ha fatto scandalo l’affermazione di Sheila Dikshit, chief minister, secondo cui le 600 rupie al mese di sussidio (pari a 12 dollari) date ai piu’ poveri sono sufficienti per sfamare una famiglia di cinque persone. Ed anche questa e’ India.

I Maro' a casa per Natale secondo il The Times Of India ?



KOCHI: Italian naval guards accused of shooting dead Indian fishermen while onboard an Italian ship
passing through Kerala coast have sought permission to visit Italy during Christmas. In a petition filed at the Kerala high court, chief master sergeant Massimilano Latorre and sergeant Salvatore Girone have sought permission to celebrate Christmas with their families at home.
They are currently facing trial in the case related to the alleged shooting incident that occurred on
February 15 this year off Kollam coast in the southern state of Kerala.
The naval guards were onboard Italian oil tanker Enrica Lexie as part of military protection detachment, known as MNP. The group of six naval guards were deployed by Italian navy to protect the ship from attacks of sea pirates.
While the ship was passing Kollam coast, allegedly at 20.5 nautical miles from the shoreline, the naval guards had allegedly opened fire at a fishing boat. Two fishermen who were in the boat, Valentine Jelestine and Ajeesh Pink, had died in the shooting while the boat was riddled with bullets.
While proceedings against the naval guards were progressing in courts in Kerala, Italian officials had, on April 24 this year, handed over ex gratia payment of Rs 2 crore to dependents of the two Indian fishermen who died in the incident. The dependents had withdrawn their suits seeking compensation following the settlement.
Italian naval guards seek court permission to celebrate Christmas at home

America: ancora un eccidio a scuola. Basta!!!

Ci svegliamo la mattina a Bangalore e leggiamo i titoli dei giornali con la storia della ulteriore carneficina operata da un giovane fuori di mente  che ha ucciso venti bambini e sei adulti tra i quali anche la madre insegnante nella stessa scuola, per poi suicidarsi. Un tragico deja vu, che punteggia periodicamente la vita di questa nazione grande in tutti i sensi. Anche nell'orrore.
Le quasi undici ore di fuso orarrio sono oggi annullate da Internet che ci permette di partecipare dal vivo alle vicende mondiali. E, sia pure tanto lontani, siamo sconvolti.
Ogni nazione, come ogni individuo, ha una caratterizzazione di immagine che spesso scade nel luogo comune e nella estrema semplificazione. Per gli italiani (e non solo) gli americani sono i cowboy, sempre pronti a ingaggiare duelli con le loro pistole e fucili. Gente rude che ha conquistato un continente a spese di milioni di altri individui che vivevano da sempre in quelle terre. Da qui l'accusa di genocidio che spesso anche gli stessi americani rivolgono ai comportamenti delle avventurose generazioni che li hanno preceduti.
Noi italiani siamo invece conosciuti come quelli del 'double standard', il popolo che non riesce a finire una guerra dalla parte in cui l'ha incominciata, specialisti nell'entertainment, giullari di talento, spesso oltraggiati con l'espressione 'chicken' che significa vigliacco. Purtroppo le vicende del teatrino politico nostrano di questi giorni ne sono la tragicomica conferma.
Ma l'America fa piu' paura, perche' i suoi moti di follia rivelano delle tare profonde le cui schiume arrivano a sboccare in maniera drammatica coinvolgendo tanti innocenti.
In America conta soprattutto il business. E quello delle armi rappresentato dalla potente National Rifle Association e' il piu' attivo in termini di lobby esercitata sui membri del Congresso, siano essi soprattutto repubblicani che democratici.
Forti del secondo emendamento della Costituzione che consentiva ad un popolo di contadini e straccioni di portare armi per la propria difesa, i fanatici di oggi della pistola sotto l'ascella o del mitragliatore da guerra si oppongono ad ogni pur minima restrizione che rappresenti un controllo nella vendita delle armi.
Questo spiega perche' un ragazzo di venti anni fosse armato di due potenti revolver con centinaia di munizioni. Alla stessa maniera dei folli che lo hanno preceduto nei mesi e anni passati sfogando le loro rabbie represse e frustrazioni su compagni e insegnanti indifesi.
Poi c'e' il business dello svago che va dai film ai giochi elettronici. Sugli schermi, nelle case, sulle play station si alternano storie che si assomigliano le une alle altre perche' si basano solo sulla violenza, su uccisioni a catena, sull'uso di armi sempre piu' potenti, sulla sopraffazione dell'individuo che, si cerca di far credere, e' in grado di farsi giustizia da solo. Un traslato moderno appunto della cultura alla John Wayne del Mezzogiorno di Fuoco.
Le lacrime del Presidente Obama quando si e' rivolto alla nazione sulla scia dell'onda emozionale determinata dall'eccidio di Newtown, non sono una 'captatio benevolentiae' esercitata per fare pressione psicologica sulle masse. Sono invece l'espressione di impotenza dell'uomo piu' potente del mondo che a casa propria non riesce a dare una regolamentazione ad un fenomeno assurdo come quello della diffusone delle armi.
I cittadini degli Stati Uniti sono 311 milioni di persone. Secondo le ultime statistiche le armi in loro possesso superano i 450 milioni per difetto.
Ma la diffusione delle armi si allea, purtroppo, a Intenet e a quei siti che inneggiano alla violenza, al satanismo, all'istigazione al suicidio e via citando.
Ne sono vittime soprattutto gli adolescenti americani che trascorrono molte ore della loro giornata chattando  e collegandosi in rete su questi web site.
Il fenomeno dell'adolescenza inquieta e malata psicologicamente sta ormai assumendo proporzioni di grande evidenza.
Citiamo a titolo di esempio quello di una scuola media superiore della Virginia, nota per il livello dell'istruzione impartita da nsegnanti molto qualificati. Bene: su 2000 studenti, 800 sono considerati a rischio e sono oggetto di periodici controlli degli psicologi. Di questi circa 150 sono ad alto rischio. Al punto che le famiglie devono firmare dele liberatorie di responsabilita'. Tra questi studenti numerosi i casi di tentato suicidio, aggressioni, comportamenti violenti.
Ed anche questa e' America, purtroppo.

Un minuto di peripezie quotidiane (video)

Gli indiani vivono di piu' e male


Gli Indiani vivono piu’ a lungo rispetto a 40 anni fa. The Times of India, il piu’ autorevole quotidiano della capitale,apre la sua edizione con un titolo a nove colonne che introduce uno studio pubblicato dalla prestigiosa rivista medica inglese, the Lancet, dal titolo Global Burden of Disease Study

Tra il 1979 e il 2010 le aspettative di vita in India (LE) sono cresciute di 15 anni per gli uomini e di 18 per le donne. La vita media di un uomo indiano arriva a 63 anni mentre quella delle donne a 68.

Ma c’e' il rovescio della medaglia: fino a 54 l’uomo medio indiano e’ in buone condizioni di salute. Dopo cominciano i guai  Per la donna le malattie si manifestano verso i 57 anni.

Lo studio sottolinea che comunque la vita media della popolazione indiana e' inferiore in maniera considerevelo rispetto a quella cinese e americana (senza citare quella italiana).

Un americano vive almeno 13 anni di piu’ di un indiano nonostante lo stress del tirare avanti.

Una delle cause di malattia e mortalita’ in India e’ l’abitudine di cucinare all’interno delle case (si fa per dire) situate soprattutto nelle zone rurali, bruciando nelle chulhas (focolari primitivi fatti con argilla) legna mista a escrementi animali.

Mentre a livello mondiale il nemico piu’ insidioso e' la pressione arteriosa, in India e’ invece l’inquinamento (indoor air pollution) che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanita' determina polmonite, cecita’, cancro polmonare, tubercolosi. 

Tra le altre cause che limitano la durata di vita degli indiani  sono indicate una dieta povera di frutta, alti livelli  di glucosio nel sangue, alcool, mancanza di ferro, scarsa attivita’ fisica e incidenti sul lavoro.

Nel mondo le morti per il fumo primario e secondario sono 6.3 milioni dei quali la maggior parte si verificano in India. Gli indiani soffrono di mal di schiena, dolori al collo e depressione.

A questi agenti mortiferi deve essere aggiunto l’inquinamento nei grandi centri urbani dovuto al traffico nel quale sono ogni giorno immersi  milioni di persone impegnate nel raggiungere i luoghi di lavoro e le condizioni tremende determinate dalle fogne a cielo aperto (esistenti nella periferia di Bangalore, ad esempio) sulle quali sono costruiti dei baracchini che vendono cibo e bevande.
______________________________________

Ovviamente sulla stampa indiana non siamo riusciti a trovare, tra le tante notizie che riguardano il mondo, la nota del  ministero degli esteri italiano che sollecita la sentenza della Corte Suprema indiana in merito al caso dei due 'fucilieri' italiani detenuti da nove mesi.

12-12-12
La fine del mondo secondo il calendario Maja
Il ritorno del Rieccolo..
Siamo messi male.

Partito della Liberta' indiano (video)

Meglio fare l'indiano

I vigili di Bangalore sono vestiti di color crema con una sorta di sombrero rialzato sul lato destro. Cercano disperatamente di bloccare la fiumana di auto e moto che, specialmente nelle ore di punta, si avventa contro i pedoni che a loro volta le tentano tutte pur di filtrare in mezzo alle auto e moto bloccate a filo di millimetri, clacson  perennemente suonato.
All'incrocio della Mahatma Gandhi con la Cubbon Road un vigile tenta di fermare il flusso di pedoni che passa sulle strisce e da' il via alle macchine e moto pronte per lo scatto. Un giovane su una Suzuki da' gas, fa lo slalom tra alcuni passanti e finisce addosso al vigile-poliziotto che vola di lato. Anche il giovane in moto finisce a terra dopo una decina di metri, il casco vola via, e sia pure dolorante cerca di mettersi in salvo spostandosi su un muretto laterale. Decine di persone accorrono in soccorso del vigile che ha perduto i sensi o forse e' morto. Lo sollevano per le braccia e le gambe e pongono anche lui sul muretto mentre il traffico spaventoso della rush hour, l'ora di punta, riprende in mezzo allo stridere dei clacson suonati da chi non ha visto alcunche' ma protesta solo perche' in attesa da trroppo tempo.
______________________________________________

Un indiano per assentire muove la testa di lato, da una parte all'altra, Per negare dall'alto in basso. Duro farsi capire.
______________________________________________

Sulle strade a doppia corsia divise da un guard rail di cemento si aprono ogni tanto dei varchi precedeuti da un cartello che indica chiaramente che non si puo' fare 'u turn', ovvero inversione di marcia che invece tutti fanno. E c'e' qualcuno che uscendo per esempio da una stazione di servizio anziche' immetersi nel senso di marcia consentito, va in contromano fino a che si infila nel successivo varco e riprende l'andatura per il verso giusto.

_______________________________________________

Le poche autosrade presenti nella capitale tecnologica dell'India, hanno un fondo schifoso.
La corsia di emergenza e' utilizzata da camionisti e auto per sorpassare, quando alcuni articolati nel tentativo di sorpassarsi a 40km orari nei tratti in salita bloccano tutto. Il problema del sorpasso in corsia di emergenza e' che ti puoi trovare davanti un mezzo bloccato per un guasto o perche' il conducente ha deciso di andare a urinare li' vicino.
________________________________________________

I frigoriferi venduti in India sono muniti di serratura per evitare che chi arriva in casa tua possa portare via del cibo.
________________________________________________


Fine della seconda repubblica



                                       
                                                    di Guido Colomba

                  Middle class: c'è una forte richiesta di cambiamento. Si volta pagina



(The Financial Review - Anno 42 - n 720)  Prima delle primarie del PD si ventilava l'ipotesi di un ticket Monti-Renzi. Con la vittoria di Bersani questa ipotesi è venuta meno. Tuttavia, la perigliosa discesa in campo di Berlusconi e l'annuncio delle dimissioni del governo, hanno ridato forza politica proprio a Mario Monti e reso preziosa la forza innovatrice di Matteo Renzi.  "Non si può sprecare un tesoro" ha detto ieri Monti, ricordando le molte cose fatte dal governo in soli dodici mesi. La risposta dei mercati è stata conforme alle previsioni. Lo spread è risalito da quota 300 fino a superare 360 (si è poi adagiato a 351 basis points) e il mercato azionario ha perso fino al 4% con una disfatta dei titoli bancari nuovamente alle prese con il link con il debito sovrano. L'Europa, incredula e preoccupata, chiede a Monti di restare in campo. Déja vu?  Non proprio. Questi eventi in sole 48 ore hanno formalizzato la fine della seconda repubblica. Ora, gli scenari sono del tutto nuovi.  Non vi sono precedenti e la middle class, con i suoi 24 milioni di voti, è chiamata a svolgere un ruolo decisivo. Ecco perché l'idea di un ticket Monti-Renzi, che mobiliti il fronte moderato e riformatore, torna ad avere una valenza interessante.  Da un lato, vi sono le forze della protesta guidate da Beppe Grillo cui si accredita, in base ai sondaggi più recenti, il 16-19%.  Il centro destra (Pdl più Lega) intorno al 15-18%. In totale questo tipo di opposizione populista ed anti-europea avrebbe un 31-37%.  Un fronte ispirato a Monti potrà contare su uno zoccolo duro del 20-22% con una spinta "emotional" aggiuntiva (in caso  di  disponibilità di Renzi) stimata al 10-12%. In pratica questo exploit lascerebbe al centro-sinistra un 34-36% togliendo un potenziale 10%.  Bersani, non a caso, suggerisce a Monti di restare di riserva. Di certo, la sommatoria "Monti + centrosinistra" otterrebbe una prevalenza assai forte nel Parlamento tale da avere la maggioranza anche al Senato. Queste previsioni cominciano a circolare a tal punto che il Pdl sembra disposto in extremis (ipotesi ventilata da Cicchitto) ad una modifica della legge elettorale. E' pura fantascienza oppure la "rabbia" della middle class è pronta alla spallata finale contro la seconda repubblica? Le premesse ci sono tutte. Anche perché interrompere il lavoro del governo Monti rischia conseguenze drammatiche. Vediamo perché. La lettera della Bce, inviata al governo Berlusconi nell'agosto 2011, ha reso evidente che l'Italia, con il quarto debito nel mondo, era la miccia che rischiava di far esplodere l'Unione europea. Il lavoro non è finito. Entro fine dicembre l'Italia dovrà rimborsare al mercato oltre 56 miliardi di debito. L'aumento degli spread può costare caro. Con il blocco dei lavori parlamentari gran parte della riduzione delle spese è ora in pericolo. Le Province innanzitutto. Ma anche la spending review e la semplificazione della macchina dello Stato compresi gli incentivi alle imprese (dove è finita la riforma Giavazzi?). I toni della campagna elettorale di Berlusconi ("lo spread non dice nulla, serve solo a schiavizzare l'Italia") rischiano di affossare oltre al fiscal compact anche la riforma dello Stato che per essere realizzata richiede almeno cinque anni.  Monti ha detto a Cannes che c'è il rischio di "promesse illusorie" per ricercare il successo politico. Le dimissioni di Monti hanno ripulito il terreno da tante scorie. De Rita ha così commentato l'eredità degli ultimi venti anni: "Perché dobbiamo sopportare governi in cui tutti vogliono governare, ma nessuno è d'aiuto al nostro stress di sopravvivenza?"   Basti pensare che la crisi di governo, provocata da Berlusconi, lascia sul binario morto il 76% delle misure che debbono ridisegnare lo Stato a cominciare dal titolo Vi della Costituzione e dal finanziamento dei partiti. Una riforma che dovrebbe mettere sotto controllo la spesa delle Regioni e ridimensionare il costo della politica valutato in oltre 80 miliardi di euro all'anno. Solo il Ddl sulla stabilità troverà semaforo verde, secondo gli accordi raggiunti da Napolitano con Pdl e Pd. Si tenta di includervi anche il salva-infrazioni, le proroghe e Tfs agli statali e forse la delega fiscale.  Si coglie in giro una diffusa  richiesta di cambiamento. Si volta pagina. (Guido Colomba) -  Copyright 2012. Edizione italiana

Pillole di vita quotidiana in India

Le mani

Molti turisti non lo  sanno e le guide locali si guardano dal dirglielo: in India bisogna stare attenti a come si usano le mani. Il problema riguarda soprattutto i mancini. Se ci si fa convincere ad andare in un ristorante tradizionale dove si mangia con le mani e' bene stare attenti ad usare solo la destra nel prendere il cibo per portarlo alla bocca. La sinistra infatti e' generalmente usata per le abluzioni dopo le funzioni corporali con l'aiuto dello schizzetto che si trova appeso accanto alla tazza del gabinetto.

______________________________________

La coda

Devo fare un bancomat che qui come in America si chiama ATM (Automatic Teller Machine). Dentro la stanza c'e' gia' un cliente che sta facendo l'operazione. Mi accodo lasciando spazio alla sua privacy. Arriva un tale che si interpone mettendosi davanti a me. Gli dico che ci sono prima io. Mi guarda e chiede da dove vengo. Gli rispondo che vengo dagli Stati Uniti. "This is India! No line." Risponde e si avvicina alla macchina per prendere delle rupie.

______________________________________

Gli abbaglianti

Di notte tutti guidano tenendo gli abbaglianti accesi che accecano chi viene in senso contrario. Ma la ragione e' che con gli abbaglianti si riesce a vedere, magari all'ultimo momento, qualche pedone vestito di scuro che cammina sul ciglio della strada porgendoti le spalle con assoluto disprezzo del pericolo. E si possono distinguere, magari all'ultimo momento, le sagome di qualche rimorchio senza luci e autobus scassati dai quali si fiondano in corsa sulla strada i passeggeri arrivati a destinazione.
Un continuo suonare il clacson per dire che ci sono, che stanno superando, che la vita e' bella. Superano anche quando un altro veicolo sta per sopraggiungere in senso contrario e si rinfilano all'ultimo momento nella corsia di sinistra. Nessuno rispetta la precedenza. Provate a immaginare il traffico di Catania alla decima potenza.
Le strade sono interrotte ogni 100 metri dai dossi che si alleano  alle profonde buche per scoraggiare chi volesse correre. Per fare 15 chilometri la sera non ci metti meno di un'ora.

______________________________________

L'acqua

Lo straniero vive nel terrore dell'acqua e delle infezioni intestinali che puo' causare, Bisogna avere a portata di mano una bottiglia di acqua depurata che al ristorante deve essere aperta in vostra presenza. I denti ci si lavano con l'acqua della  bottiglia e durante la doccia tenere ben chiusa la bocca.